domenica 29 ottobre 2017

Racconti di note #05: Maria Jamelia di MasMas



Nel cortile di terra rossa attorno alla struttura in mattoni e fango i bambini giocavano a rincorrersi.
L’uomo dalla pelle color cacao nella tonaca chiara era seduto davanti alla porta. Li guardava e sorrideva un sorriso malinconico.
La piccola Maria Jamelia, cinque anni, si avvicinò. Il volto color cioccolato al latte era sporco, il vestito era strappato su una manica, ma la piccola aveva negli occhi una dignità che solo un orfano che ha vissuto gli orrori della guerra può mostrare.
L’uomo trasformò il sorriso in uno a tutti denti. Accolse la bimba con una carezza tra i ricci: “Ciao cara. Hai bisogno di qualcosa?”
Quella puntò il dito alla costruzione dietro: “Perché ho il nome della chiesa?”
L’uomo si girò a guardare: “Sai, è una storia speciale. La vuoi sentire?”

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento