sabato 6 gennaio 2018

I nostri capitani: Pesce Pirata si confessa



   
                                                


Chi è un Pesce pirata? 
MasMas: Grazie della domanda. Beh, è una storia lunga, che vi racconterò in tredici comodi volumi. Cioè, no, dai ha a che fare con questi pesci che hanno un comportamento sociale, tipo si aggregano per cacciare avversari più grandi, tipo come noi che siamo tutti dei pistola ma tanti pistola insieme fanno un cannone. O forse fanno un pistolone?
Grilloz: È un pesce con una benda sull’occhio e un uncino al posto di una pinna che imperversa nei mari letterari, accalappiando giovani e ingenui aspiranti scrittori.


 Navigare tanto a lungo porta a pensare, raccontare o solo a pelar patate?
MasMas: Grazie della domanda. Alle volte penso di raccontare di come si pelano le patate. Poi mi passa la sbronza. Ecco, in quei casi mi rendo conto di non saper pensare, quindi finisco per raccontare. Sono un raccontatore compulsivo. Non soffro di certo la sindrome della pagina bianca. Se mai quella della pagina piena di cose inutili. Oh quella sì!
Grilloz: Beh, il vantaggio di essere capitano è che le patate le pelano i mozzi, poi c’è il problema che a mangiare purè tutti i giorni dopo un po’ ci si scoccia, ma vabbè, ci rifacciamo leggendo i racconti della ciurma e bevendo il rum (anche se ufficialmente se l’è portato via Black quando se l’è svignata, ma forse questo non potevo dirlo).





Come siete diventati capitani?
MasMas: Grazie della domanda. Beh io mi sono intrufolato sulla nave sei anni fa, in realtà cercavo un forum di punto a croce. Qui c'erano tanti punti, ogni tanto qualche X così... sono rimasto a bordo attirato dalle promesse di rum del capitano Black Bart. Così mentre tutti scappavano disgustati dalla mia presenza, ho fatto carriera. Come staff ho finito di rendermi indigesto, e a un certo punto a croce Black mi ha detto ciao ciao ed è scappato col suddetto rum.
Mi ha spezzato il cuore. Però con altri pirati, Grilloz, Samy, Paolino, Geara, il compianto Jacopo (ciao Jacopo!) e altri che non esistono, abbiamo deciso di tenere a galla la nave, perché non sappiamo nuotare.
Grilloz che è brutto come me si è offerto di fare da capitano con me, gli altri che hanno un minimo di stile hanno avuto il buon gusto di non mischiarsi con noialtri.
Grilloz: Era un’afosa notte estiva ed io ero salito sul ponte per prendere un po’ d’aria. Neanche un refolo, si sudava come mandrie in stalla. Erano mesi ormai che c’era bonaccia e la nave non si muoveva manco a spingerla. Comunque me ne stavo lì tranquillo sul ponte a passeggiare e ti vedo all’orizzonte Black che aveva preso la scialuppa (l’ultima, ma anche questo forse è meglio non dirlo alla ciurma) e se la stava dando a gambe verso la terraferma.
Lì per lì non ci ho mica pensato, ho visto la ruota del timone e ho detto “figo” e ho provato a girarla. In quel momento mi sono trovato in testa il cappello da capitano ed eccomi qui.



Una cosa che avreste sempre voluto fare ma per qualche ragione avete sempre rimandato.
MasMas: Grazie della domanda. Oltre che fare a qualcuno quello scherzo del fiammifero acceso tra le dita dei piedi come in Tom e Jerry per vedere se funziona?
Beh ho sempre qualche nuovo progetto stralunato in mente. Ho rimandato e penso rimanderò per sempre il prendere la laurea. E forse prima o poi comprerò una macchina elettrica. Forse. Del resto ho cose che non sono ancora riuscito a fare, ma su cui sto lavorando, come creare una pagina facebook dove i personaggi dei libri si trovino e chiacchierino, o scrivere qualcosa di collettivo, o creare un grande ipertesto wiki in cui tanti costruiscono una storia sempre crescente. E il mmorpg di Bubble Bobble. Per dire.
Grilloz: A parte quello che non si può dire? Ho sempre il pallino di una raccolta di racconti sulla falsa riga di Sanctuary (link), prima o poi mi metto al timone e faccio virare il vascello in questa direzione.




Dove lo nascondete il rum buono?
MasMas: Grazie della domanda. Ma non l'ho capita. E comunque il rum se l'è portato via il capitano Black. Ma noi distilliamo la buccia delle patate. Tiè!
Grilloz: Il Rum? Se l’è portato via Black quella famosa notte, il Rum. Ci tocca distillare le bucce di patata! O combattere!!



Reazioni:

1 commento:

  1. Il fuggitivo vi saluta da un isolotto dei caraibi!
    La nave è in ottime mani.
    (Il rum sta calando...)
    Saluti.
    Yeah

    RispondiElimina